Nessun prodotto nel carrello

SHOP

LIBRI

Art Shop
Il Grande Museo del Duomo

Ricerca avanzata

prodotti in evidenza

Artisti russi in Svizzera. Marianne Werefkin (Tula 1860-Ascona 1938)

40,00 €

Aggiungi al carrello

a cura di Mara Folini

Mosca, Galleria Statale Tret'jakov, 10 settembre-21 novembre 2010
Ascona, Museo Comunale d'Arte Moderna, 5 marzo-3 luglio 2011

brossura cucito con bandelle
24,5x29 cm, 312 pagine
200 illustrazioni a colori

978-88-96532-18-8 italiano/russo

In occasione del 150° anniversario della nascita della pittrice russa ma asconese di adozione, Marianne Werefkin (Tula 1860) si tiene a Mosca presso la Galleria Tret'jakov una esposizione su questa artista, figura decisiva nelle vicende storico-artistiche a cavallo tra Otto e Novecento. Legata ad Alexej Jawlensky per trent’anni, influì sul percorso di Kandinsky, partecipò e promosse la fondazione del Neue Künstlervereinigung München e del Blaue Reiter (tanto da essere definita «amazzone del Cavaliere azzurro»), visse i fermenti del rinnovamento delle avanguardie, compreso il gruppo Dada, e intorno a lei si mossero personaggi fondamentali per quel periodo, esponenti di tutte le arti (da Klee ai Sacharoff, da Else Lasker-Schüler a Diaghjlev...). La Werefkin, che visse tra Russia, Lituania, Francia e Germania, a seguito della prima guerra mondiale dovette riparare in Svizzera. Dal 1918 Ascona accolse lei e tanti altri, diventando cuore di cultura e sperimentazione.
L’esposizione si trasferirà nel 2011 ad Ascona, a sottolineare quanto Russia e Svizzera abbiano influito sullo sviluppo artistico e della personalità della Werefkin. Continua, con queste due esposizioni, successive a quella romana del 2009, il percorso di maggiore conoscenza e approfondimento di un’artista dagli intensi bellissimi colori e dai soggetti carichi di significati simbolici anche quando paiono quotidiani.
Il catalogo ripropone numerosi dipinti di artisti russi che operarono tra il XIX e il XX secolo legati alla Werefkin, non solo da valori estetici condivisi, ma anche da rapporti di amicizia. Essenziali sia la selezione di testi critici come le lettere tra l’artista e Igor’ Grabar’ , scritte tra il 1894 e il 1914 la cui pubblicazione avviene per la prima volta.