Nessun prodotto nel carrello

SHOP

LIBRI

Art Shop
Il Grande Museo del Duomo

Ricerca avanzata

prodotti in evidenza

Il Museo dell'Opera di Santa Croce a Firenze

Ludovica Sebregondi

10,00 €

Aggiungi al carrello

di Ludovica Sebregondi

giugno 2009

brossura cucito
cm 14x21; pp. 96
86 illustrazioni a colori e 9 in b/n

978-88-7461-137-9 Italiano

Il Cenacolo di Santa Croce venne edificato nei primi decenni del Trecento e fu la prima parte del complesso di Santa Croce a essere utilizzata come spazio espositivo nel 1900. Nel 1962, a seguito dell’ampliamento del museo con l’acquisizione di altri ambienti, la sala venne restaurata riportando alla luce le decorazioni pittoriche trecentesche e destinata ad accogliere le opere più antiche, che subirono danni ingentissimi e in parte irreparabili durante l’alluvione del 1966, quando il museo di Santa Croce fu definito «l’epicentro del disastro»: il Cristo crocifisso di Cimabue divenne drammatico simbolo dell’alluvione stessa.

Gli straordinari interventi di restauro compiuti dai Laboratori di Restauro dell’Opificio delle Pietre Dure e dalle Soprintendenze fiorentine, in collaborazione con l’Opera di Santa Croce, hanno consentito il recupero di numerose e importanti opere che col tempo sono state riconsegnate alla fruizione del pubblico.

È firmata da Ludovica Sebregondi la prima guida puntuale e aggiornata di questo suggestivo luogo ricco di storia, raccontato nei suoi ambienti anche attraverso foto d’epoca e splendide riproduzioni a colori. La descrizione delle sale è accompagnata da schede di approfondimento di alcune preziosissime opere: oltre al già menzionato Crocifisso di Cimabue, fra le molte ricordiamo il monumento funebre di Gastone della Torre, opera di Tino di Camaino, gli affreschi staccati di Giotto, Andrea Orcagna e Taddeo Gaddi, il San Ludovico di Tolosa di Donatello, la Discesa di Cristo al Limbo del Bronzino, la Deposizione dalla croce di Francesco Salviati. La guida comprende anche la Trinità di Lodovico Cigoli, la Deposizione dalla croce di Alessandro Allori e due Madonne col Bambino trecentesche, recentissimamente ricollocate nel museo a seguito di laboriosi restauri.

Indice del volume

La storia del museo

Sala I
Sala II
Sala III e corridoio
Sala IV: cappella Cerchi
Sala V: refettorio d’inverno
Sala VI: Cenacolo

Bibliografia