Nessun prodotto nel carrello

SHOP

LIBRI

Art Shop
Il Grande Museo del Duomo

Ricerca avanzata

«S|R, Studi e Restauri». La Luce di Maria

Il restauro delle vetrate con l’Assunzione di Maria e quattro personaggi biblici di Lorenzo Ghiberti nella cattedrale di Santa Maria del Fiore

Alessandro Becattini, Francesca Cecchi, Silvia Ciappi

12,00 €

Aggiungi al carrello

Quaderno N. 6

Collana diretta da Francesco Gurrieri e Bruno Santi

A cura di Alessandro Becattini, Francesca Cecchi, Silvia Ciappi

giugno 2015
brossura
16 x 24 cm, 72 pp.
illustrazioni a colori

isbn 978-88-7461-272-7 italiano

Le vetrate di Santa Maria del Fiore che si aprono nelle finestre ogivali delle navate e le tre circolari ospitate nella facciata ottocentesca, sono state un soggetto alquanto trascurato dagli studiosi, anche se il loro numero – in totale quarantaquattro – caratterizza la cattedrale fiorentina come l’edificio sacro che conserva uno dei complessi di arte vetraria d’Italia. Di rilievo anche la notorietà delle personalità artistiche a cui furono commissionati i cartoni delle vetrate: Lorenzo Ghiberti, Donatello, Paolo Uccello, Andrea del Castagno.
La manutenzione e i necessari restauri di questo vasto complesso vetrario sono una delle attività continuative affidate all’Opera di Santa Maria del Fiore, che si è avvalsa dei più specializzati operatori su tal genere di manufatti attivi nella nostra città. Nell’occasione presente viene presentata l’Assunzione della Vergine, databile al 1404-1405, che si deve a Lorenzo Ghiberti, vero factotum, attivo in oreficeria, scultura, finanche pittura, esempio che l’unità delle arti nelle botteghe fiorentine era un principio professionale irrinunciabile.
A essa si aggiunge, restituita alle migliori condizioni conservative e visive, una vetrata della tribuna della Croce raffigurante i patriarchi Joram, Joshua , Eliezer e Her, anch’essa uscita dalla feconda e proteiforme bottega ghibertiana, ma di esecuzione più tarda, presumibilmente da collocarsi tra il 1443 e il 1444. Per illustrare adeguatamente questa impresa sono presenti i contributi di Silvia Ciappi, che ha approfondito rigorosamente ed efficacemente il significato teologico e le caratteristiche storico-critiche delle vetrate, di Francesca Cecchi, che ne ha ricercato nel dovizioso archivio dell’Opera i documenti relativi, di Alessandro Becattini, che ne ha illustrato minuziosamente il restauro, affidando così al pubblico una completa rassegna di quanto sia contenuto, sia dal punto di vista figurale sia da quello tecnico.