Nessun prodotto nel carrello

SHOP

LIBRI

Art Shop
Il Grande Museo del Duomo

Ricerca avanzata

La Metropoli Multietnica

Andrea Branzi

14,00 €

Aggiungi al carrello

a cura di Andrea Branzi

catalogo della mostra: La Metropoli Multietnica. XXI Esposizione Internazionale della Triennale di Milano. 21st Century. Design After Design, Milano 2016 02.04- 12.09

cartonato con sovraccoperta

17,5 x 24,5 cm; 136 pp.

96 illustrazioni a colori e in b/n

978-88-7461-306-9 italiano/inglese

Il complesso delle mostre che sviluppano il tema della XXI Esposizione Internazionale della Triennale di Milano “21st Century. Design After Design” hanno in comune la discontinuità tra il XX e il XXI secolo. Il Novecento è stato il secolo che ha portato Paesi e popoli a conoscere livelli di benessere mai praticati, il nuovo è caratterizzato da un’ansia di precarietà che sta incrinando la fiducia nel progresso.

La mostra “La Metropoli Multietnica”, curata da Andrea Branzi ci fa riflettere su come il tema della qualità della convivenza sia determinante per il nostro futuro.

Nella metropoli multietnica si produce una progressiva ibridazione tra le quattrocento minoranze che ancora esistono nel mondo. Indipendentemente dalla nostra capacità di accoglienza questo prezioso arcipelago di etnie, viene quotidianamente attraversato dai flussi invasivi delle merceologie internazionali, dalle informazioni, dalla convivenza con nuove abitudini, mode, musiche, gastronomie, religioni, fino a produrre una grande ibridazione generale.

Nel secolo scorso ci siamo illusi che a ogni problema poteva essere trovata una soluzione; ma la metropoli multietnica rappresenta un problema che non può trovare soluzione, ma soltanto una faticosa gestione.

Il mondo del progetto deve porsi il problema di come introdurre elementi di convivenza, fra architettura, design, stili di vita, cibo, riti ecc., perché il rapporto con le minoranze, se positivo, può essere una chiave per affrontare tematiche che altrimenti possono diventare devastanti e gravemente conflittuali nel nostro contesto sociale, soprattutto nelle città.

Non sappiamo, soprattutto dopo aver visitato questa mostra, se riusciremo a sciogliere qualche nodo ma certamente saremo più consapevoli del valore e della ricchezza della diversità.