Nessun prodotto nel carrello

SHOP

LIBRI

Art Shop
Il Grande Museo del Duomo

Ricerca avanzata

Tra arte e moda

Maria Luisa Frisa, Enrica Morini, Stefania Ricci, Alberto Salvadori

38,00 €

Prodotto non disponibile

a cura di Maria Luisa Frisa, Enrica Morini, Stefania Ricci e Alberto Salvadori

catalogo della mostra (Firenze, Museo Salvatore Ferragamo, Museo Marino Marini, Galleria del Costume di Palazzo Pitti, Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze; Prato, Museo del Tessuto, 12 maggio 2016-7 aprile 2017)

brossura cucito con bandelle
24 × 28 cm, 360 pagine
330 illustrazioni a colori e in bianco e nero

isbn 978-88-7461-302-1 italiano
isbn 978-88-7461-303-8 inglese

saggi di Silvia Casagrande, Daniela Degl’Innocenti, Casimiro Di Crescenzo, Maria Luisa Frisa, Elisa Masiero, Suzy Menkes, Gianni Mercurio, Gabriele Monti, Enrica Morini, Anna Nicolò, Demetrio Paparoni, Stefania Ricci, Alberto Salvadori, Luca Scarlini, Carlo Sisi, N.J. Troy

Il catalogo accompagna e illustra la mostra dislocata in più sedi e che si avvale di molti prestigiosi prestiti provenienti da collezioni museali pubbliche e private e di opere d’arte contemporanea realizzate per l’occasione. La nuova produzione del Museo Salvatore Ferragamo, prende in esame il complesso rapporto tra il mondo dell’arte e della moda, prendendo spunto dalla storia di Salvatore Ferragamo, che fu affascinato dalle avanguardie artistiche del Novecento, s’ispirò al mondo dell’arte,
collaborò con gli artisti a lui contemporanei, inaugurando una pratica che il marchio Ferragamo ha portato avanti fino ad oggi.
Il progetto analizzerà attraverso case history le forme di dialogo tra i due mondi, di contaminazione, sovrapposizione e collaborazione, dalle esperienze dei preraffaelliti, del Futurismo, del Surrealismo, soffermando l’attenzione su alcuni atelier degli anni cinquanta e sessanta, luogo di studio e di incontri e sulla nascita della cultura della celebrità per proseguire fino alle sperimentazioni degli anni novanta e arrivare ad interrogarsi se nell’industria culturale contemporanea si possa ancora parlare di mondi distinti o di un fluido gioco di ruoli.