Nessun prodotto nel carrello

SHOP

LIBRI

Art Shop
Il Grande Museo del Duomo

Ricerca avanzata

Santa Maria Novella. La basilica e il convento

II. Dalla Trinità di “Masaccio” al Cinquecento

Andrea De Marchi

50,00 €

Aggiungi al carrello

a cura di Andrea de Marchi

coordinamento scientifico di Carlo Sisi

saggi di 
Paolo Bertoncini Sabatini, Luca Boschetto, Marco Campigli, Andrea De Marchi, Aldo Galli, Giovanni Giura, Dora Liscia Bemporad, Cecilia Martelli, Neville Rowley

Campagna fotografica di Antonio Quattrone

cartonato con sovraccoperta

24 × 31,5 cm, 292 pp.

340 illustrationi a colori

isbn 978-88-7461-315-1 italiano

Santa Maria Novella non è semplicemente una splendida Basilica fiorentina. Rappresenta un mondo, una filosofia, un’idea di vita e di comunità manifestate attraverso espressioni artistiche di mirabile livello, stratificate attraverso i secoli. Approfondire l’analisi delle architetture e delle opere contenute nel complesso monumentale è un’occasione straordinaria di comprendere un intero periodo storico, cogliendone le sfumature più affascinanti e ricche di significato. Grazie alle splendide immagini realizzate appositamente da Antonio Quattrone e dai saggi di autori di grande spessore, questo volume prosegue il cammino iniziato dal precedente (Dalla fondazione al tardogotico) e ci regala una disamina puntuale e appassionante dell’arte e della storia di Firenze durante uno dei periodi di maggior fulgore della produzione cittadina.

Il libro ci accompagna infatti attraverso gli anni del Rinascimento e quindi dell’affermazione a Firenze dei Medici e delle altre famiglie come i Rucellai, responsabili di aver conferito alla città l’aspetto che l’avrebbe resa internazionale, fulcro del rinnovato culto dell’antico ma anche laboratorio delle moderne concezioni dello spazio, vale a dire la prospettiva, e dell’Umanesimo filosofico e letterario.

In tale ambito, la basilica di Santa Maria Novella annovera capisaldi della storia dell’arte quali la Trinità di Masaccio, il Crocifisso di Brunelleschi, i monumentali cicli d’affreschi di Filippino Lippi e di Domenico Ghirlandaio, oltre a presentarsi nella veste architettonica ideata da Leon Battista Alberti; soggetti che hanno dato materia, in questo volume, a testi critici aggiornati e coinvolgenti.